Denti consumati, cause e rimedi dell’erosione dentale

I denti consumati solitamente hanno perso una certa quantità di smalto a seguito di un processo di deterioramento. Questo problema, oltre a causare inestetismi, può essere il segnale di altre patologie da affrontare con tempestività. Conoscere l’origine dell’erosione dentale e sapere perché i denti si consumano può aiutare a prevenire il problema.

Alcune sostanze acide nella bocca attaccano la superficie esterna della dentatura provocando lesioni. Chi soffre di vomito frequente o reflusso gastroesofageo può essere, ad esempio, soggetto a erosione dei denti a causa dell’acido cloridrico che dallo stomaco transita nella bocca.

SINTOMI DEI DENTI CONSUMATI

I sintomi e l’aspetto dei denti consumati sono facilmente riconoscibili. Alcuni segni evidenti che caratterizzano l’erosione dentale sono:

  • denti gialli e corti;
  • smalto dentale trasparente, soprattutto sui bordi. Talvolta sembra che i denti siano di vetro. In presenza di questo sintomo si può andare incontro a fratture o scheggiature dell’elemento dentario;
  • aumento della sensibilità dentale agli stimoli termici;
  • dolore causato dall’esposizione della polpa dentaria.

La presenza della saliva in bocca contribuisce a mantenere l’equilibrio contro gli acidi e si oppone al proliferare di batteri. Il dentista, per prevenire l’erosione dello smalto dei denti, considera anche che vi sia la giusta presenza di saliva nel cavo orale del paziente.

LE CAUSE DEI DENTI CONSUMATI: BRUXISMO E ABFRACTION

L’usura dei denti fino a un certo livello è un fenomeno fisiologico ed è dovuta all’avanzare dell’età e all’invecchiamento della persona.

Tra le cause meccaniche più comuni del consumo dentale ci sono:

  • il bruxismo che porta a digrignare i denti,
  • lo sfregamento di altri materiali contro la superficie dei denti e lo spazzolamento troppo energico,
  • l’utilizzo di dentifrici abrasivi dall’effetto sbiancante,
  • l’abfraction, ovvero la perdita di smalto dovuta alle flessioni del colletto del dente causate dal digrignamento.

L’erosione e l’abrasione non sono la stessa cosa, infatti la prima si riferisce al consumarsi del dente in tutta la sua superficie. L’abrasione dentale, invece, riguarda solo la parte del dente coinvolta nella masticazione.

RIMEDI DEI DENTI CONSUMATI: LA RICOSTRUZIONE DEI DENTI

Quando l’usura dei denti viene riconosciuta in tempo è possibile procedere con l’applicazione di ricostruzioni in composito o di faccette dentali. Queste rappresentano la soluzione ideale in modo particolare per risolvere problemi di ipersensibilità ed estetici.

In presenza di denti consumati i dentisti del nostro studio di Milano valutano quale approccio terapeutico seguire. In alcuni casi è necessario:

  • correggere la dieta,
  • migliorare la tecnica dello spazzolamento,
  • procedere con l’applicazione di protesi dentarie,
  • procedere con l’applicazione di faccette dentali in ceramica,
  • incapsulare i denti gravemente danneggiati dall’erosione.

Un tempo per incapsulare un dente era necessario devitalizzarlo e limarlo per proteggerlo con spesse corone dentali. Attualmente, invece, i medici dentisti possono contare su nuovi materiali innovativi come il disilicato di litio, che permettono di realizzare corone sottili e resistenti dopo aver effettuato una lieve limatura del dente.

Tecniche innovative per proteggere e ricostruire i denti

La tecnica della limatura e della devitalizzazione è considerata sempre più superata dai dentisti moderni. Presso il nostro studio offriamo ai pazienti la possibilità di usufruire dell’esperienza della dottoressa Vailati e dei suoi stretti collaboratori per il metodo 3 Step Technique. Questa tecnica innovativa è totalmente additiva e consente di sostituire in poche sedute la parte abrasa dei denti con un materiale composito.

denti consumati - Studio dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

denti consumati – Studio dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

In caso di abrasione da bruxismo, si procede anche con la realizzazione di  una mascherina di protezione personalizzata da indossare nelle ore notturne. Questa consente di proteggere i denti dall’ulteriore erosione.

La dentizione nei neonati: come alleviare il dolore

Molti genitori si rivolgono al nostro studio dentistico a causa delle preoccupazioni sulla dentizione nei neonati. La formazione dei denti da latte ha inizio mentre il bambino è ancora nella pancia della mamma. L’eruzione dei primi dentini è una delle tappe fondamentali della crescita di ogni bambino, che può causare fastidio, febbre e dolore ed è importante sapere come affrontarla al meglio. Per ogni genitore vedere la prima puntina bianca che spunta dalla gengiva è un momento molto emozionante e spesso coincide con la fine di un periodo caratterizzato da pianti e forte irritabilità del neonato.

Il processo della dentizione si distingue nella comparsa della dentatura decidua  (formata dai denti da latte) e della dentatura permanente. La dentatura decidua è composta di 20 elementi dentari mentre la dentatura permanente è formata da 32 elementi dentari.

QUANDO AVVIENE LA DENTIZIONE NEI NEONATI?

Molti pazienti ci chiedono informazioni su come e quando spuntano i denti da latte. Solitamente l’eruzione dei denti si verifica intorno ai 6/8 mesi del bambino. I primi dentini che fuoriescono sono gli incisivi centrali inferiori e gli incisivi centrali superiori. Orientativamente, la dentizione del neonato segue quest’ordine:

  • 6 – 10 mesi di età, denti incisivi centrali inferiori;
  • 8 – 12 mesi di età, incisivo centrale superiore;
  • 8 -13 mesi di età, incisivo laterale superiore;
  • 10 – 16 mesi di età, denti incisivi laterali inferiori;
  • 13 -19 mesi di età, primo molare superiore;
  • 14 – 18 mesi di età, primo molare inferiore;
  • 16 – 22 mesi di età, denti canini superiori;
  • 17 – 23 mesi di età, denti canini inferiori;
  • 23 – 31 mesi di età, secondo molare inferiore;
  • 25 – 33 mesi di età, secondo molare superiore.

Denti decidui e denti permanenti

Quasi tutti i denti permanenti sostituiscono i denti decidui equivalenti. I molari permanenti, invece, non hanno un dente deciduo soprastante e i premolari permanenti erompono in sostituzione dei molari decidui. Tra i 6 anni e i 12 anni di età fuoriescono i denti permanenti e dai 17 ai 30 anni di età possono erompere i terzi molari, anche detti denti del giudizio, che possono anche rimanere sempre inclusi.

dentizione nei neonati - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

dentizione nei neonati – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Come facilitare l’eruzione dei dentini

I genitori possono agevolare la fuoriuscita dei denti dando al bambino qualcosa da tenere tra le gengive e mordere, per stimolare l’eruzione dentale. A tale scopo si possono utilizzare i massaggiatori gengivali refrigerati, che si acquistano in farmacia o nei negozi che vendono prodotti per l’infanzia. Questi contribuiscono anche ad alleviare il fastidio alle gengive perché contengono un liquido refrigerante. In alternativa, anche la scorza di pane cotto a legna è adatta allo scopo e il suo sapore risulta più gradevole per il bambino. Una tecnica per alleviare il fastidio e stimolare l’eruzione dei denti è quella di massaggiare le gengive con gel specifici.

SINTOMI DELLA DENTIZIONE NEI NEONATI

Alcuni sintomi sono molto frequenti durante l’eruzione dei denti da latte. Il bambino inizia a manifestare il desiderio di succhiare e mordicchiare tutto ciò che capita a portata di mano. Ci sono bambini che provano solo un leggero fastidio, mentre altri avvertono un dolore che può anche causare risvegli notturni. L’intensità del dolore da dentizione nel neonato dipende anche da quali denti stanno spuntando e dalla sensibilità delle diverse aree della bocca.

Nei giorni che precedono la fuoriuscita dei denti, le gengive solitamente appaiono gonfie e livide ma questo non dovrebbe essere motivo di particolari preoccupazioni. Se entro qualche settimana l’ematoma non si riassorbe, però, è consigliabile eseguire un controllo dal pedodontista.

Anche la salivazione del neonato può aumentare e può salire qualche linea di febbre, non superiore ai 37 gradi e mezzo. Alcuni bambini manifestano calo di appetito, irritabilità e soffrono di diarrea e cacca acida.

dentizione nei neonati - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

dentizione nei neonati – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

COME ALLEVIARE I FASTIDI DELLA DENTIZIONE NEI NEONATI

I pedodontisti del nostro Studio consigliano ai genitori dei bambini (vedi articolo) che provano molto dolore durante la dentizione alcuni farmaci per alleviare il fastidio. In genere suggeriamo di ricorrere alla terapia farmacologica quando il bambino è soggetto a frequenti pianti isterici e si sveglia spesso di notte urlando. Anche il pediatra può provvedere a prescrivere al bambino i tempi di somministrazione e la dose esatta di farmaci analgesici, in genere la Tachipirina, in base al peso.

Si possono anche massaggiare delicatamente le gengive con olio di oliva, con dei gel specifici, con un balsamo calmante oppure con prodotti a base di miele.

Proteggere lo smalto dei denti

Sapere come proteggere lo smalto dei denti è molto utile per prevenire diversi problemi e patologie dentali. Molti pazienti del nostro studio dentistico a Milano si rivolgono a noi per prevenire o curare questo problema dei denti piuttosto diffuso. Lo smalto dentale è lo strato più superficiale dei denti e ha la funzione di proteggerli dall’usura e dall’attacco di agenti esterni. Alcune cattive abitudini e l’avanzare dell’età possono danneggiare lo smalto, rallentando il suo ruolo di difesa del dente fino ad impedirlo del tutto. L’abrasione dentale può interessare, in alcuni casi, soprattutto la superficie masticatoria e quella esterna dei denti, che si trova a livello dei colletti.

come proteggere lo smalto dei denti - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

come proteggere lo smalto dei denti – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

PRINCIPALI CAUSE DELL’USURA DELLO SMALTO DEI DENTI

Le cause dell’erosione dello smalto dei denti possono essere diverse, ma in generale questo fenomeno dipende dalla presenza di sostanze acide nel cavo orale. Queste aggrediscono la superficie esterna dei denti e provocano delle lesioni. Sono particolarmente soggetti a questo tipo di problemi:

  • pazienti con forte acidità del cavo orale, come nel caso di chi soffre di reflusso gastro-esofageo;
  • pazienti che soffrono di frequenti episodi di vomito, come chi è affetto da reflusso gastro-esofageo o soffre di bulimia;
  • persone che abusano del consumo di alimenti particolarmente acidi, come gli agrumi;
  • pazienti che soffrono di bruxismo e digrignano i denti durante la notte;
  • persone che soffrono di carie.

SINTOMI DELL’EROSIONE DELLO SMALTO DENTALE E CONSEGUENZE

I primi segni del consumo dello smalto dei denti sono:

  • variazione del colore dei denti, tendente al giallo;
  • variazione della forma dei denti che appaiono più corti;
  • smalto trasparente lungo i bordi della dentatura.

Le conseguenze dell’usura dello smalto dentale non sono unicamente di natura estetica. I pazienti che ne soffrono avvertono un aumento della sensibilità dentale, poiché la polpa scoperta è maggiormente esposta agli stimoli termici. Inoltre, i denti privati di smalto sono più a rischio di contaminazione batterica e questo può dare luogo ad altre malattie del cavo orale.

Individuare quanto prima, insieme al dentista, le cause dell’erosione dentale è molto importante per comprendere immediatamente come proteggere lo smalto dei denti dall’usura. In questi casi intervenire tempestivamente e cambiare i comportamenti che portano all’erosione è fondamentale per evitare di incorrere in eventuali fratture o scheggiature del dente.

Lo smalto dentale e il colore dei denti

Molti credono erroneamente che lo smalto superficiale sia l’elemento che determina il colore dei denti. In realtà questo è traslucido e lascia, quindi, trasparire il colore della dentina sottostante. Questa può avere sfumature che vanno dal giallo al grigio ed è la vera responsabile della colorazione dei denti.

RIMEDI PER PROTEGGERE LO SMALTO DEI DENTI DALL’EROSIONE

Ai pazienti che si rivolgono al nostro studio di dentisti per sapere come proteggere lo smalto dei denti dall’usura, consigliamo di partire insieme dall’individuazione della causa del problema. Dopo aver identificato l’origine dell’abrasione dei denti, si stabilisce la terapia da seguire per limitare o eliminare il problema dell’erosione dentale. Alcuni tipici rimedi attuati da noi dentisti sono:

  • la correzione della dieta del paziente;
  • il miglioramento della tecnica di spazzolamento;
  • la correzione dell’uso di dentifrici troppo abrasivi, come quelli sbiancanti;
  • la prescrizione di collutori che tamponano l’acidità per pazienti bulimici o affetti da reflusso;
  • l’applicazione di faccette dentali in ceramica, in caso di denti ancora non eccessivamente compromessi;
  • l’applicazione di protesi dentarie come la corona dentaria o capsula dentale, in caso di denti già molto compromessi.
come proteggere lo smalto dei denti - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

come proteggere lo smalto dei denti – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Tecnologie e materiali innovativi per la cura dell’erosione dello smalto dentale

Le cure per l’erosione dello smalto dentale beneficiano delle nuove tecnologie applicate alle terapie dentali e della diffusione dell’utilizzo di nuovi materiali molto resistenti, come il disilicato di litio. Grazie a queste, oggi è possibile rivestire i denti senza limarli. Evitare di sottrarre tessuto dentario sano è molto vantaggioso e non comporta la devitalizzazione degli elementi dentari.

Proteggere lo smalto dei denti: come lavarli correttamente

Come prevenire ed evitare che lo smalto dei denti si consumi a causa di uno spazzolamento scorretto e dell’uso di prodotti per l’igiene orale inadeguati? È molto importante imparare a seguire quotidianamente alcune indicazioni sulla pulizia dei denti quotidiana. Molte persone eseguono, ad esempio, lo spazzolamento dei denti con un movimento orizzontale. La superficie dentale, invece, va spazzolata seguendo un movimento verticale, che parte dalla gengiva e prosegue verso l’estremità del dente. Questa va eseguita senza applicare troppa forza e preferibilmente utilizzando uno spazzolino con setole morbide.

LE CARIE CAUSANO L’USURA DELLO SMALTO DEI DENTI?

Chi soffre di carie, spesso è soggetto anche al problema dell’erosione dello smalto dentale. Lo streptococco mutans, batterio responsabile della formazione delle carie, si ciba di carboidrati e rilascia un acido che corrode lo smalto. Anche in questo caso è fondamentale eseguire un’accurata igiene orale dopo ogni pasto, per evitare che con il tempo l’acido consumi sempre di più lo smalto. Questo permetterebbe il passaggio dei batteri verso le parti più interne del dente, rischiando di compromettere anche la dentina e la polpa.

I frequenti controlli dal dentista sono necessari a diagnosticare in tempo utile sia la presenza di carie che l’eventuale inizio di erosione dentale. Accorgersi autonomamente del processo carioso che interessa solo lo smalto è piuttosto difficile, poiché quest’ultimo è privo di terminazioni nervose. Il dentista può facilmente riconoscere la presenza di carie anche quando sono ancora asintomatiche.

Bruxismo: ricostruire i denti per rimediare ai danni del digrignamento

Per chi soffre di bruxismo, ricostruire i denti può essere una delle soluzioni estreme in caso non si riesca ad arrestare il problema per tempo. La patologia che fa serrare la mandibola con eccessiva forza e digrignare i denti, soprattutto durante la notte, porta diverse conseguenze alla salute. Una delle più evidenti è il fatto che lo smalto dentale si consuma eccessivamente, fino alla comparsa di fratture ai denti. Il digrignamento è un’azione involontaria e di solito il paziente non si accorge di avere tale problema finché non si manifestano problemi ai denti. Esistono però altri sintomi che, se indagati per tempo, possono permettere a chi ne è affetto di intervenire prima che i denti subiscano danni seri.

Bruxismo - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Bruxismo – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

CONSEGUENZE DEL BRUXISMO: QUANDO RICOSTRUIRE I DENTI?

Con il tempo, digrignare i denti può portare conseguenze gravi alla loro salute. Il continuo sfregamento dei denti è ciò che provoca i danni allo smalto. Poiché in tal modo la dentina rimane esposta, si avvertirà anche l’aumento della sensibilità dentale al caldo e al freddo.

Quando si serra la mandibola con molta forza durante il sonno, se i denti sono già molto consumati, si possono inoltre verificare delle piccole fratture. I dentisti ricorrono alla ricostruzione quando lo smalto dentale del paziente ha ormai subito gravi danni. Grazie alla ricostruzione, si recupera la funzionalità dei denti e si ottiene un miglioramento estetico.

SOLUZIONI AI DANNI DEL BRUXISMO PER RICOSTRUIRE I DENTI

Per rimediare ai danni dello smalto dentale causati dal bruxismo è necessario ricorrere alle protesi dentarie. Le più utilizzate in caso di danni meno gravi sono le faccette dentali e gli intarsi. Grazie a questi, si ripristinano la forma e la colorazione naturale della dentatura. In alternativa, si può effettuare una ricostruzione con resina composita, inserita direttamente sui denti, modellandone la forma e indurendola per mezzo di una particolare luce. Utilizzare un bite o delle mascherine a seguito della ricostruzione diventa indispensabile per evitare danni alle protesi.

Cause e sintomi del bruxismo

Esistono diversi fattori riconosciuti come possibili cause del digrignamento dei denti, come:

  • disturbi del sonno,
  • malocclusione dentale,
  • stress,
  • assunzione di alcuni farmaci,
  • malattie neurologiche,
  • uso di droghe,
  • consumo eccessivo di alcolici.

Alcuni segnali non andrebbero trascurati perché possono indicare al paziente di essere affetto da questa patologia. Quando si digrignano i denti ci si sveglia tendenzialmente con i muscoli della faccia indolenziti. I denti che hanno subito l’abrasione dello smalto presentano in genere un colore giallastro e sono più corti della norma. L’erosione della parte distale, infatti, degenera in un progressivo rimpicciolimento dei denti. Anche i dolori alla cervicale ed i mal di testa frequenti al risveglio possono indicare che si soffre di bruxismo. Inoltre, chi digrigna i denti può avere problemi ad aprire completamente la bocca e a deglutire.

PREVENIRE I DANNI DEL BRUXISMO E LA RICOSTRUZIONE DEI DENTI

Se il bruxismo viene diagnosticato in tempo, è possibile salvaguardare la salute dei denti del paziente grazie all’uso del bite. Questa mascherina, realizzata sulle impronte dentali, impedisce alle arcate di entrare in contatto tra di loro quando si serra la bocca. Con il bite è possibile evitare l’usura dello smalto ed alleviare la tensione muscolare, migliorando anche la qualità del sonno del paziente. Questi apparecchi in gomma dura o morbida ricalcano la dentatura e si devono indossare durante tutta la notte.

Bite - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Bite – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

È utile, inoltre, provare a migliorare il proprio stile di vita per evitare lo stress che porta a digrignare i denti e correggere l’eventuale malocclusione.

Come è fatto un dente? conosciamo l’anatomia e la morfologia di questo organo

Sapere come è fatto un dente può aiutare a comprendere la natura e l’origine delle tipiche problematiche e malattie dei denti. La maggior parte delle persone apprezza l’estetica di una bella dentatura e desidera denti sani, ma spesso non si sa come sono fatti i denti internamente ed esternamente. Spesso i nostri pazienti ci chiedono se il dente sia un osso e si interrogano su quali siano le parti principali che lo compongono. Questi organi sono presenti nel cavo orale di diverse specie animali per masticare gli alimenti da deglutire e per assolvere a funzioni fonetiche.

Come è fatto il dente dell’uomo – ⬆️

Nel cavo orale dell’uomo crescono due ordini di denti: i denti da latte (provvisori, durante l’infanzia) e i denti permanenti. Entrambe le tipologie hanno le radici. I canini, gli incisivi e i premolari inferiori ne hanno una, i premolari superiori possono averne una o due e i molari inferiori ne hanno due. I molari superiori, infine, hanno tre radici. Ciascun dente può essere suddiviso in tre parti:

  • la corona, parte superiore, visibile;
  • la radice, parte totalmente impiantata dentro l’alveolo dentario;
  • il colletto, parte intermedia di connessione tra le due, molto sottile.

I diversi denti assumono determinate forme a causa della necessità di tagliare e masticare il cibo. I molari e i premolari hanno dei solchi e delle cuspidi ed hanno la funzione di triturare il cibo. Gli incisivi sono appiattiti e i canini appuntiti e servono a tagliare gli alimenti. I nomi dei denti richiamano i compiti che svolgono nella masticazione.

Alveoli, ossa mascellari, arcate dentali, gengive: ecco come è fatto un dente – ⬆️

I denti sono allocati all’interno di cavità ossee dette alveoli. Le ossa mascellari sono le strutture ossee che li sostengono. I denti che si trovano negli alveoli della mascella e della mandibola formano insieme le arcate dentali. Il dente è ancorato all’osso alveolare per mezzo del legamento parodontale. Il colletto è la parte intermedia che collega radice e corona. Attorno ad esso si estende il bordo delle gengive. Le gengive formano una barriera che ostacola il passaggio dei batteri, proteggendo l’osso.

A cosa servono i denti del giudizio – ⬆️

In epoca preistorica, la mascella dell’homo sapiens era di dimensioni maggiori e i denti del giudizio contribuivano alla masticazione. A seguito della scoperta del fuoco e con la possibilità di cuocere i cibi, la masticazione è stata facilitata e le dimensioni delle mascelle dell’uomo si sono gradualmente ridotte. Il numero dei denti però è rimasto lo stesso e spesso i denti del giudizio non hanno sufficiente spazio per erompere correttamente in arcata. Trattandosi quindi di denti inutili, in caso di problemi noi dentisti spesso ne consigliamo l’estrazione.

Come è fatto un dente - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Come è fatto un dente – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Come è fatto un dente: le domande e risposte più utili – ⬆️

Alcune domande che i pazienti ci pongono riguardo ai denti sono particolarmente comuni:

  • il dente è un osso? Questo organo è composto da diversi tessuti solidi e molli. I tessuti sono:
    • lo smalto, nella parte più esterna della corona;
    • la dentina, dove passano i canali detti tubuli nei quali alloggiano i prolungamenti degli odontoblasti, che garantiscono la sensibilità dentale;
    • il cemento;
    • la polpa, che fornisce nutrimento e ossigeno agli odontoblasti

    Questi tessuti sono legati alle ossa di mascella e mandibola.

Come è fatto un dente - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Come è fatto un dente – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

  • Quanto è lungo un dente? – La lunghezza dei denti varia a seconda del tipo di dente e della funzione che svolge. I più lunghi sono i canini e gli incisivi, questi ultimi lunghi mediamente 22,5 mm.
  • Quanti denti ci sono nella bocca? – Normalmente sono 32, 16 per arcata ovvero 8 incisivi, 4 canini, 8 premolari e 12 molari.
  • Cosa sono i denti decidui? – Vengono chiamati così i denti provvisori, anche detti denti da latte.

Sapere come è fatto un dente per prendersi cura dei denti

Poiché la struttura dei denti è piuttosto complessa e ogni parte che li compone contribuisce a farli funzionare correttamente, è evidente l’importanza della cura costante di questi organi. Nonostante siano degli organi piccoli e considerati meno vitali, infatti, i denti possono causare seri problemi e dolori quando sono soggetti a malattie. È fondamentale, quindi, prendersene cura nel modo più efficace, tramite alcuni accorgimenti:

  • eseguire costantemente una corretta pulizia e igiene orale;
  • seguire un’alimentazione sana;
  • effettuare periodicamente visite di controllo dal dentista.

Apparecchio trasparente: la soluzione migliore per il riallineamento dei denti

L’apparecchio trasparente è uno strumento utilizzato per riallineare la dentatura e ottenere quindi dei benefici sia estetici che terapeutici. Lo scopo di questo apparecchio è il raggiungimento di una migliore masticazione e di un movimento mandibolare più naturale. Nel periodo in cui si indossano gli apparecchi dentali, è possibile notare significativi spostamenti di tutti i denti e risolvere il problema in modo definitivo. Quello trasparente inoltre è un apparecchio che ha ulteriori vantaggi rispetto a quello classico, soprattutto dal punto di vista estetico. Vediamo chi lo può portare e quali sono le sue caratteristiche specifiche.

Caratteristiche e vantaggi dell’apparecchio trasparente

Lo studio dentistico Motta Jones, Rossi e Associati effettua il trattamento di ortodonzia invisibile e garantisce un’assistenza medica adeguata in tutte le fasi:

  • diagnosi della problematica,
  • cura del disallineamento dentale,
  • mantenimento dell’allineamento dentale ottenuto.

Le caratteristiche dell’apparecchio invisibile, oltre alla trasparenza, sono:

  • comodità e facile rimozione per bere, mangiare ed effettuare l’igiene orale quotidiana con spazzolino e filo interdentale;
  • non provoca alcuna irritazione al cavo orale e alla bocca;
  • non costituisce un ostacolo per il linguaggio e la pronuncia;
  • è molto leggero, poiché il materiale con cui viene prodotto è una resina di 3 decimi di millimetro di spessore;
  • è personalizzato poiché viene prodotto in laboratorio dalle impronte dentali del paziente;
  • è pressoché indolore. Solo durante le prime ore dopo l’inserimento è possibile che il paziente percepisca una leggera sensazione di fastidio.

Come funziona l’apparecchio trasparente?

Molti pazienti si chiedono in che modo funziona questo tipo di apparecchio. Il principio secondo cui questo tipo di trattamento ortodontico riesce a correggere le imperfezioni delle arcate dentali non è molto diverso da quello sfruttato dall’apparecchio tradizionale. Quando un dente viene sottoposto ad una forza esterna, si sposta nella stessa direzione della forza che ha ricevuto. Questo fenomeno accade perché il tessuto osseo è molto flessibile. Quando si indossa un apparecchio per il raddrizzamento dei denti assistiamo a due fenomeni:

  • la parte verso cui viene spinto il dente si riassorbe;
  • la parte che rimane vuota a causa dello spostamento del dente, è riempita da un nuovo tessuto osseo.
apparecchio-trasparente-denti - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

apparecchio-trasparente-denti – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Apparecchio trasparente per bambini e adulti

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il problema dell’allineamento non corretto dei denti non riguarda solo i bambini. Spesso anche in età adulta si ha la necessità di effettuare un trattamento terapeutico di riallineamento dentale. Gli adulti infatti possono ricorrere all’apparecchio fisso o all’apparecchio mobile:

  • se il problema ai denti è stato trascurato in giovane età,
  • se il problema ai denti è emerso a causa di un incapsulamento dentale non corretto,
  • se il problema ai denti è emerso a seguito della perdita di uno o più denti che ha comportato uno squilibrio del cavo orale.

Le cause che rendono urgente un trattamento terapeutico di riallineamento dei denti a tutte le età sono numerose e di diversa natura. I pazienti adulti come i bambini soffrono il disagio psicologico di indossare un apparecchio mobile o un apparecchio fisso troppo visibile.

Quando è necessario l’apparecchio trasparente per i denti?

Esistono diversi casi in cui l’apparecchio invisibile è necessario:

  • nei casi di affollamento dentale, un fenomeno che si manifesta quando manca lo spazio tra i denti. Quando i denti non hanno uno spazio adeguato per crescere dritti si scontrano l’uno con l’altro. In questi casi, l’apparecchio ha la funzione di creare spazio per far crescere i denti nel modo giusto;
  • nei casi di diastema, un fenomeno che si verifica quando lo spazio tra i denti è eccessivo e non favorisce alcun punto di contatto. In presenza di diastema, l’apparecchio trasparente ha la funzione di avvicinare i denti tra loro, chiudendo lo spazio;
  • nei casi di morso crociato, ossia quando l’arcata superiore dei denti è più stretta rispetto a quella inferiore;
  • nei casi di morso profondo, ossia quando l’arcata superiore dei denti si sovrappone all’arcata inferiore.

L’apparecchio trasparente innovativo e non invasivo

Presso lo studio dentistico Motta Jones, Rossi e Associati di Milano, risolviamo il problema dei denti non perfettamente allineati sia per i pazienti bambini che per gli adulti. Nello specifico, per i pazienti adulti proponiamo l’apparecchio invisibile, al quale spesso si fa riferimento parlando di mascherine trasparenti o con il nome di Invisalign. Si tratta di un modello di apparecchio dentale in grado di riallineare i denti senza dover ricorrere alle piastrine o agli archi metallici tipici degli apparecchi fissi o mobili. Per questa particolare caratteristica gli apparecchi trasparenti sono considerati molto meno invasivi.

apparecchio-trasparente-denti - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

apparecchio-trasparente-denti – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

I materiali delle mascherine trasparenti per i denti

Le mascherine di resina trasparente di cui sono fatti gli apparecchi dentali invisibili rappresentano un grande passo avanti nel campo dell’ortodonzia. L’impiego di questo materiale costituisce un beneficio per la salute dei denti oltre che psicologico. Le mascherine trasparenti utilizzate sono quasi del tutto invisibili e hanno una reale efficacia terapeutica. Ai pazienti che si affidano al nostro studio dentistico consigliamo di sostituire le mascherine ogni due settimane circa. In questo modo si guidano progressivamente i denti alla posizione corretta. È necessario tenerle tutto il giorno e la notte, togliendole solo per mangiare, per bere e per effettuare l’igiene orale quotidiana. Solitamente un risultato ottimale si raggiunge quando l’apparecchio viene indossato per almeno 22 ore al giorno, considerando anche la notte.

Apparecchio trasparente e terapia di mantenimento

Per favorire la risoluzione definitiva del problema di disallineamento dei denti, si visualizzano in anticipo tutte le fasi di spostamento dei denti e si producono gli apparecchi trasparenti sequenziali. Le visite dentistiche periodiche vengono pianificate attentamente insieme al paziente per monitorare i progressi della terapia. Nel momento in cui si constata l’effettivo raggiungimento della posizione dei denti precedentemente programmata, viene applicato l’apparecchio trasparente successivo (di solito ogni 2 settimane).

Alla fine dell’intero periodo di trattamento mediante l’impiego dell’apparecchio trasparente, che di solito dura circa 18 mesi, si consiglia di proseguire la terapia con una mascherina di contenzione. Questa ha lo scopo di mantenere la posizione corretta raggiunta.

Faccette dentali: costo e opinioni

Le faccette dentali sono sempre più richieste da chi vuole ovviare ad un problema dentale estetico. Le cure dentali, infatti, non sempre portano anche a risolvere le conseguenze estetiche di una patologia. Per chi non vuole rinunciare a sfoggiare un bel sorriso, l’applicazione delle faccette estetiche dentali è una soluzione ad una serie di problemi della dentatura molto comuni. Ricordiamo tra questi: il diastema, i denti scheggiati o consumati dal bruxismo, le discromie e i lievi disallineamenti dentali. Per eseguire questa operazione si procede realizzando in laboratorio dei gusci in ceramica da attaccare ai denti interessati a seguito di un trattamento. Vediamone nel dettaglio i particolari e le eventuali controindicazioni.

COSA SONO LE FACCETTE DENTALI?

Con questa definizione ci si riferisce a delle lamine in ceramica dello spessore di circa 0.5 mm da applicare e cementare esternamente ai denti. Si possono considerare, quindi, vere e proprie protesi usate per mascherare i difetti di forma, colore o posizione dei denti. Nel caso specifico dell’applicazione sui denti storti, il vantaggio non è solo estetico ma anche nella masticazione. Attualmente si utilizzano due tipi di faccette:

  • indirette, in ceramica, le più utilizzate: hanno l’estetica migliore e sono più funzionali e resistenti. Poiché devono essere realizzate artigianalmente da odontotecnici specializzati il loro prezzo è il più elevato;
  • dirette, in composito, applicate sul dente con materiali compositi: esteticamente hanno una resa peggiore e sono meno resistenti.

Quando si parla di “ceramica” si intendono vari tipi di materiali vetrosi. Più alta è la percentuale di cristalli impiegati per rinforzarli, maggiore è la resistenza ma con una parallela diminuzione della trasparenza.

Ecco come si applicano le faccette dentali

faccette dentali - Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

faccette dentali – Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Per eseguire l’applicazione delle faccette estetiche dentali, il dentista procederà in questo modo:

  • limatura del dente o dei denti interessati per rimuovere dai 2 ai 3 decimi di millimetro dello smalto della superficie frontale del dente;
  • misurazione dell’impronta dentale;
  • analisi e scelta del colore più adatto;
  • prove estetiche con faccette provvisorie per valutare se siano adatte;
  • in base alle necessità e alla sensibilità del paziente, valutazione del ricorso ad un’anestesia locale;
  • trattamento del dente o dei denti con acido fluoridrico e rivestimento con materiale adesivo;
  • posizionamento della faccetta.

La limatura del dente è, di solito, ciò che preoccupa maggiormente i pazienti. Si parla di faccette noprep quando si applicano le protesi senza limare il dente. Queste si possono rimuovere come le altre ma tra le principali controindicazioni ci sono la scarsa aderenza nel tempo e il danneggiamento dello smalto in caso di rimozione.

QUANTO DURANO LE FACCETTE DENTALI?

Le faccette estetiche dentali sono considerate permanenti e possono durare per più di 10 anni ma una serie di fattori può renderne necessaria la rimozione e la sostituzione. La durata delle faccette dipende:

  • dall’accuratezza e dalla competenza del dentista,
  • dalla qualità dei materiali utilizzati,
  • dall’attenzione del paziente nella manutenzione.

Per quanto riguarda i materiali, le ceramiche feldspatiche a base di ossido di silicio permettono di creare lamine molto sottili, trasparenti e luminose. Queste, però, non sono tra le più resistenti e durature. Le ceramiche a base di ossido di alluminio e di ossido di zirconio sono molto resistenti perché totalmente cristalline. Queste però risultano più opache. Le ceramiche a base di disilicato di litio, infine, sono le più costose perché risultano le più gradevoli a livello estetico e resistenti nel tempo.

QUANTO COSTANO LE FACCETTE DENTALI?

faccette dentali - Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

faccette dentali – Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Il costo delle faccette dentali varia a seconda del numero di faccette e del tipo di materiale impiegato ma è, generalmente, abbastanza elevato. La spesa da affrontare prima di ricorrere a questa soluzione va considerata in rapporto alla durata, che non è “eterna”, e alla reale necessità estetica. In caso si vogliano applicare le faccette sui denti storti, ad esempio, bisogna considerare i benefici che ne potrà trarre la masticazione, oltre che l’estetica. Ci sono patologie particolari del dente che si vuole rivestire che possono rendere necessaria la rimozione del 30% dello smalto, al fine di procedere con l’applicazione. In questo caso si devono valutare attentamente le controindicazioni della limatura assieme al costo dell’applicazione.

In definitiva, si può dire che questa tecnica presenti elevate qualità, da quelle estetiche – grazie alle ceramiche di ultima generazione è possibile imitare perfettamente i denti naturali – a quelle di resistenza e di biocompatibilità. Se tale interventyo viene effettuato da uno studio professionale, il risultato sarà quello di mantenere invariato il colore originale dei denti, donando al contempo un nuovo sorriso.

Pulizia dei denti. La guida definitiva

Chi non desidera avere un sorriso smagliante? È il sogno di molti e per realizzarlo la pulizia dei denti è importante tanto quanto la loro cura. La tecnologia oggigiorno ci consente di scegliere tra un’ampia gamma di strumenti innovativi per eseguire correttamente la pulizia dentale anche a casa. Seguendo con attenzione le indicazioni del dentista, l’uso quotidiano dello spazzolino elettrico può, ad esempio, aiutare a mantenere la salute dei denti. Ma tra i tanti strumenti a disposizione, come orientarsi per eseguire al meglio l’igiene orale quotidiana? Vediamo quali sono le buone abitudini da non perdere mai e le principali differenze tra i benefici della pulizia fai da te e quella periodica dal dentista.

QUANTO TEMPO DEDICARE ALLA PULIZIA DEI DENTI?

Molti di noi hanno difficoltà a ritagliarsi il tempo necessario per eseguire la pulizia dei denti quotidiana in modo adeguato. La mattina spesso si esce di casa di fretta e la maggior parte delle persone dimentica di lavare i denti dopo la colazione. Gli impegni lavorativi portano a consumare i pasti fuori casa e anche lavare i denti dopo pranzo può risultare complicato. La pigrizia dopo cena, poi, a volte induce a spazzolare i denti velocemente. Quanti si lamentano dei ritmi di vita frenetici? Le cose da fare sono sempre tante e, anche a causa di questo, non ci si ricorda di sostituire periodicamente gli strumenti per lavare i denti.

La pulizia dei denti: una sana abitudine

Come sottolineano i dentisti, l’igiene dentale deve diventare per ognuno di noi una buona abitudine. Portare con sé lo spazzolino e il dentifricio a lavoro non costa nulla! Sarà sufficiente lasciare un post-it sulla borsa da lavoro o impostare un avviso sul cellulare le prime mattine e poi diverrà un gesto automatico. Avete mai pensato che prendersi cura dei denti avrà dei vantaggi anche nella vita sociale? Se pranzate e bevete un caffè, avrete probabilmente l’alito un po’ più pesante per il resto del pomeriggio. Se dopo pranzo utilizzate un dentifricio rinfrescante, invece, chi vi starà vicino avvertirà una sensazione gradevole.
La sera, a casa, è necessario dedicare 4 o 5 minuti ad una pulizia completa. I primi tempi questa pratica richiederà un po’ di impegno ma quando vedrete i risultati, sicuramente non vi peserà più.

La pulizia dei denti a casa

Se non si pratica un’igiene dentale quotidiana corretta, il tartaro si accumulerà sotto al solco gengivale. In questo modo, quando si dovrà ricorrere alla pulizia professionale dei denti questa risulterà fastidiosa e durerà di più. Mentre la pulizia professionale dei denti richiede l’impiego di strumenti professionali particolari come gli ultrasuoni, il getto di glicina o bicarbonato di sodio o diversi altri strumenti manuali metallici, a casa servono:

  • lo spazzolino tradizionale oppure quello elettrico;
  • il dentifricio;
  • il filo interdentale;
  • il collutorio.

I denti vanno spazzolati con il dentifricio adatto alle proprie esigenze due o tre volte al giorno, dopo i pasti principali. Prima o dopo la spazzolamento, si deve procedere con il filo interdentale. L’impiego del colluttorio per gli sciacqui deve essere valutato di caso in caso dal proprio dentista in quanto si tratta di un farmaco disinfettante vero e proprio. Se invece si sceglie un collutorio naturale, si può usare una volta al giorno anche in gravidanza.

LA PULIZIA DEI DENTI PROFESSIONALE

Un altro errore frequente dovuto alla mancanza di tempo è quello di rimandare le sedute presso il dentista per sottoporsi all’ablazione del tartaro. In genere si tende a fissare una visita di controllo dal dentista solo quando si ha un problema o si avverte dolore e fastidio. I controlli periodici dal medico, invece, sono una pratica fondamentale per prevenire l’insorgere di molti problemi dei denti o di intervenire quando è troppo tardi. La pulizia professionale dei denti andrebbe fatta due volte l’anno ma l’esigenza può variare in base al paziente. La raccomandazione è di eseguirla almeno una volta l’anno. La pulizia dentale professionale serve a rimuovere completamente la placca ed il tartaro presenti sulla dentatura e tra un dente e l’altro. Poco dopo averla effettuata, generalmente, si può mangiare secondo le proprie abitudini senza problemi.

pulizia-dei-denti-professionale - Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

pulizia-dei-denti-professionale – Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Pulizia denti professionale: quanto dura?

Per una pulizia professionale dei denti si ricorre mediamente due volte l’anno all’ablazione del tartaro presso uno studio dentistico. Questa procedura, detta anche detartasi  è molto semplice e non fa male. L’ablazione del tartaro contribuisce a rendere i denti più forti e belli. Se sono presenti alcune incrostazioni più difficili da rimuovere, si potrebbe avvertire un leggero fastidio. In genere, comunque, il principale disagio è dovuto alla presenza di gengive sensibili. Se soffrite di questo problema, sarà opportuno ricorrere per qualche giorno a dei prodotti per lenire l’infiammazione e la sensibilità delle gengive in previsione della detartasi. In alternativa, può essere associata alla pulizia qualche goccia di anestetico locale. Un altro fattore importante è anche la perizia della mano dell’operatore e la presenza o meno di zone di gengiva infiammata.
La durata di una seduta di ablazione del tartaro ben eseguita dipende ovviamente dalla quantità di tartaro e placca accumulatasi. Per i casi normali, dove vengono effettuati richiami di igiene orale professionale periodici e constanti, la durata dell’intera seduta può essere di circa 30-40 minuti. Generalmente, se si eseguono pulizie più sporadiche o nei casi in cui il paziente faccia fatica a mantenere la bocca pulita, una seduta può durare anche 60 minuti. Nei casi più impegnativi, si programmano anche 2 sedute da 45-60 minuti ciascuno.

COME ESEGUIRE LA PULIZIA DEI DENTI CON LO SPAZZOLINO

Una volta scelto lo spazzolino elettrico o manuale e l’impugnatura adatta alle vostre esigenze, ecco come procedere per pulire i denti al meglio:

  • si bagna lo spazzolino e si mette una piccola quantità di dentifricio sulle setole;
  • si poggiano le setole a 45° rispetto alla linea delle gengive;
  • si tiene la bocca bene aperta;
  • si spazzola partendo dalla base del dente (dalla gengiva) fino all’estremità e non con movimento orizzontale;
  • si ripete l’operazione sull’arcata dentale superiore ed inferiore, sia nella parte esterna che interna;
  • si poggiano le setole perpendicolari ai molari e si spazzolano;
  • i movimenti devono essere delicati. Se si ha la tendenza ad esercitare una forte pressione sulla gengiva con lo spazzolino è meglio scegliere uno spazzolino con setole morbide;
  • si sciacquano la bocca e lo spazzolino.

Come si fa la pulizia dei denti col filo interdentale?

Passare correttamente il filo interdentale aiuta ad eliminare i residui di placca e cibo dove non arriva lo spazzolino, in particolare tra un dente e l’altro. Sarebbe meglio usarlo prima di spazzolare i denti, almeno la sera. Nei bambini, non va usato prima che i denti da latte siano tutti sostituiti da quelli permanenti. Per non rischiare di irritare le gengive, il filo interdentale va passato con delicatezza, seguendo la curvatura naturale di ciascun dente. Ecco come procedere:

  • tagliare un pezzetto di filo lungo 30-40 cm;
  • avvolgere le due estremità attorno alle dita medie;
  • afferrare il filo teso tra pollici e indici;
  • infilare nello spazio tra due denti;
  • abbracciare il dente con il filo, formando una C;
  • far scivolare il filo verso il basso;
  • procedere in questo modo da entrambe le parti di ogni dente, partendo dai denti posteriori.

Un’alternativa al filo interdentale, in particolare per chi porta l’apparecchio ai denti, sono gli scovolini.

Diastema: cause e rimedi

DIASTEMA: SIGNIFICATO

Con il termine diastema dei denti ci si riferisce alla situazione in cui tra due denti si trova dello spazio libero. Si tratta di una condizione piuttosto frequente e può essere capitato a molti di osservare altre persone che presentano tale spazio in particolare tra i due incisivi centrali superiori. Il diastema dentale è causato dallo sviluppo sproporzionato dell’arcata, inferiore o superiore, rispetto alle dimensioni dei denti ospitati.
Il diastema dei denti può essere causato quando esiste un rapporto di dimensioni sproporzionato tra denti e mascella, ovvero una lunghezza eccessiva dell’arcata dentaria o, al contrario, denti troppo piccoli che pur occupando tutto lo spazio a disposizione non hanno il volume sufficiente per chiudere gli spazi liberi tra i denti.
Anche la presenza del frenulo gengivale (lembo di tessuto che lega mucosa alveolare e labbra) può essere causa di diastema dentale in quanto l’inserzione del frenulo impedisce che due denti adiacenti possono toccarsi. Allo stesso modo, anche cisti dentali follicolari o radicolari o degli incisivi laterali poco sviluppati possono ostacolare il contatto tra due denti vicini ed essere causa di diastema.

IL DIASTEMA: QUANDO CORREGGERE LO SPAZIO TRA I DENTI

Come risolvere l’inestetismo nel migliore dei modi in presenza di diastema dentale?
In caso di diastema i rimedi ed interventi possibili sono di diversi tipi:
• trattamenti di tipo ortodontico;
• trattamenti di tipo conservativo-protesico;
• intervento chirurgico, in caso di presenza di frenuli o cisti dentali;
• ortodonzia linguale senza attacchi.

Diastema - Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Diastema – Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Il trattamento ortodontico è una soluzione comune per la chiusura del diastema. Si tratta di applicare un apparecchio correttivo ortodontico fisso o mobile spostando e riposizionando i denti. A seconda dell’entità del problema e dell’età alla quale di inizia la correzione tramite apparecchio ortodontico per la chiusura del diastema, variano le tempistiche di chiusura del diastema, costo e perfezione del risultato.
Un’opzione conservativa è quella di riempire lo spazio tramite delle ricostruzioni in resina composita di modo da rimodellare il profilo dei denti. Un altra metodica più invasiva fa uso di procedure di tipo protesico con l’apposizione di faccette dentali o applicando corone artificiali in ceramica o zirconio.
Le soluzioni di tipo conservativo-protesico vanno però prese in considerazione quando il diastema è dovuto alle piccole dimensioni dei denti. Infatti, trattandosi di procedure additive, non risultano indicate quando i denti sono già di dimensioni normali. In tali casi, si potrebbero avere probemi a livello estetico quando si rischia di creare sproporzioni con il resto della dentatura.

Chiusura diastema: costo

A seconda della tipologia di procedimento che si attua per la chiusura del diastema, i costi ed i tempi di risoluzione possono variare. In tanti si rivolgono al dentista per chiedere se sia possibile chiudere il diastema senza apparecchio ortodontico fisso. Una soluzione alternativa di tipo ortodontico è la terapia invisibile senza attacchi  oppure l’apparecchio con tecnica linguale.
Questo è uno dei trattamenti più costosi ma ha senza dubbi molti vantaggi rispetto all’apparecchio ortodontico fisso tradizionale. Si tratta di un apparecchio per diastema invisibile che non utilizza i brackets o classici attacchi in metallo o ceramica da applicare sulla superficie esterna dei denti.

DIASTEMA: QUANDO UN DIFETTO DIVENTA UN VEZZO

In alcuni casi, il diastema viene percepito come difetto antiestetico, soprattutto per chi ha denti molto piccoli o grandi e quando il diastema si trova a livello dei denti frontali. Non sempre però è indispensabile correggere il diastema dentale, ed infatti molte celebrities hanno fatto del loro sorriso, caratterizzato da questo “difetto” dei denti, una caratteristica ed un punto di forza. Alcuni esempi sono Madonna, Eddy Murphy, Vanessa Paradis, Brigitte Bardot, Elton John.

Allora, è possibile che diastema e moda vadano a braccetto? Grazie ad alcuni personaggi noti, in effetti sfoggiare il diastema dentale senza imbarazzo è diventata una moda, un tratto caratteristico del sorriso che dona dolcezza, simpatia, personalità al volto. Se da una parte molte persone ricorrono all’ apparecchio per il diastema dei denti, c’è invece addirittura chi desidera creare questa separazione tra i denti artificialmente.

Diastema portafortuna

Incredibile ma vero, questa particolare irregolarità della dentatura ha destato tale curiosità ed attenzione da meritarsi persino la fama di portafortuna. Il motivo risiede ancora nel fatto che tantissimi personaggi pubblici del mondo dello spettacolo, dello sport e della politica che hanno il diastema dentale hanno avuto grande fortuna e successo nella loro vita e carriera. Ecco allora che si sente spesso parlare di “denti della fortuna” riferendosi al sorriso di chi ha questa imperfezione.

Brillantino al dente

BRILLANTINO AL DENTE: COS’È, DOVE SI FA E COSTO

Negli ultimi anni, insieme alla richiesta di trattamenti estetici legati alla dentatura come quelli sbiancanti e correttivi che consentono di mantenere un bel sorriso, cresce anche quella dell’applicazione del brillantino sul dente. Erroneamente, si parla di “piercing dentale”, ma in realtà non viene praticato alcun tipo di foro ed il dente rimane intatto.
Per applicare questa decorazione si usa uno specifico adesivo per le superfici dentali. E’ possibile applicare qualsiasi tipo di materiale, ma la decorazione più comune è il cristallo. Il brillantino prodotto da Swarovski è tra i più impiegati.

Il brillantino sul dente può essere di varie forme e colori e in genere si applica agli incisivi laterali superiori. L’applicazione viene fatta non solo dal dentista, ma anche da estetisti e centri specializzati in piercing e tattoo. Esistono in commercio anche kit per il fissaggio del brillantino al dente fai da te. Naturalmente, la scelta migliore è senza dubbio quella che prevede l’applicazione in uno studio dentistico ad opera di uno specialista abilitato, in quanto devono essere garantite le procedure di igiene e sicurezza di base. Inoltre, le apparecchiature del dentista sono in grado di gestire le procedure di applicazione del brillantino al dente nella maniera più corretta. In particolare, nel corso delle manovre di applicazione, è importante pulire il dente alla perfezione e mantenerlo completamente asciutto per tutta la procedura. Inoltre, si tratta di maneggiare gli strumenti e sostanze per applicare il brillantino al dente nel modo più appropriato ed i prodotti migliori sono a forniti solo agli studi dentistici.

Costo del brillantino al dente dal dentista

Se volete rivolgervi ad uno studio dentistico professionale come quello di Motta Jones – Rossi & Associati, vorrete forse preventivamente informarvi riguardo al costo dell’applicazione di un brillantino al dente dal dentista e per fare ciò è comunque sempre indicata una valutazione dentistica preliminare. Infatti, un dentista deve sempre verificare che ci siano le condizioni per applicarlo escludendo che ci siano patologie in atto come carie, gengivite o accumuli di placca batterica, mobilità dentale, etc.
Ma il brillantino sul dente quanto dura? Se applicato correttamente da un odontoiatra, può resistere diversi anni, ma c’è da considerare che non si tratta di un ornamento eterno. Infatti, bisogna considerare che viene di fatto incollato in un ambiente, quale è la bocca, che esercita quotidianamente diverse funzioni intense, in particolare la masticazione.

In un centro estetico, il costo di questa operazione si aggira tra i 10 e i 20 euro ma la tenuta nel tempo è in genere decisamente inferiore. Il motivo di ciò è probabilmente dovuto al fatto che un centro estetico non possiede le attrezzature, il personale e le competenze idonee a preparare la superficie del dente per farvi aderire un altro materiale. Infatti, se tra il dente ed il brillantino rimangono residui di saliva, placca batterica, residui alimentari, etc, l’incollaggio del brillantino viene eseguito già in partenza nelle condizioni peggiori. Come già accennato, è assolutamente importante garantire la pulizia perfetta delle superfici da incollare (dente e brillantino) e solo uno studio dentistico è abilitato ad avere tali strumenti e materiali.

BRILLANTINO AL DENTE SIGNIFICATO

Qualcuno si chiede il valore o il significato di avere un brillantino sul dente. Al di là del valore puramente estetico, dal punto di vista socio-antropologico si può rintracciare il significato del fissaggio del brillantino al dente a tradizioni antiche. Molti popoli, infatti, applicavano decorazioni ai denti per simboleggiare il proprio status sociale. In alcune culture, brillantini e ornamenti dentali indicavano un passaggio nei rituali religiosi. Il brillantino al dente per uomo, quindi, era già diffuso in relazione con queste usanze. Ovviamente, in passato non avevano a disposizione le tecniche di adesione che abbiamo oggi e l’applicazione di un ornamento sui denti era eseguito con metodiche piuttosto invasive.
Oggigiorno, per l’uomo o per la donna non si attribuisce più alcun particolare significato simbolico e l’unica motivazione che porterebbe molte persone a richiederne l’applicazione è quella di attirare gli sguardi sul proprio sorriso.

BRILLANTINO AL DENTE: INDICAZIONI E RISCHI

Sebbene l’applicazione di un cristallo sui denti con l’apposita colla adesiva possa sembrare un procedimento abbastanza semplice e sicuro, non si devono sottovalutare i rischi che si corrono come:

  • danneggiamento dello smalto,
  • infezioni causate dall’uso di strumenti non sterilizzati,
  • distacco precoce,
  • ingestione del brillantino,
  • danni causati dall’applicazione non coperti dall’assicurazione.

Quindi, per ridurre al minimo gli eventuali fattori di rischi è bene rivolgersi ad una struttura professionale affidabile e sostenere, magari, il maggior costo del brillantino al dente dal dentista piuttosto che spendere di più in seguito, per riparare eventuali danni causati da chi è inesperto.

Come si mette un brillantino sul dente?

Per un dentista, abituato a svolgere procedure ben più complesse nelle bocche dei pazienti, il fissaggio del brillantino al dente è questione di eseguire pochi e semplici passaggi. Però, ogni passaggio deve essere eseguito con la massima attenzione e ciò estremamente fondamentale per garantire il successo del passaggio successivo:

innanzitutto, il dente e la gengiva devono essere sani e puliti. Quindi, eventuali accumuli di placca o tartaro devono essere preventivamente rimossi. Bisogna anche escludere la presenza di carie o altre patologie;

  • il dente deve essere isolato perfettamente, idealmente con la diga di gomma (tale dispositivo non può essere applicato in un centro estetico), allo scopo di controllare il flusso di saliva e l’umidita del respiro;
  • nel punto esatto dove verrà applicato il brillantino viene eseguita la mordenzatura acida dello smalto allo scopo di irruvidirne chimicamente la superficie. Le micro-abrasioni eseguite con la mordenzatura serviranno come zona d’ancoraggio per l’adesivo che viene applicato;
  • il cristallo scelto viene fissato tramite una particolare procedura adesiva dove come collante viene utilizzata una resina composita. Questi materiali sono estremamente sensibili all’umidità e l’interposizione di molecole d’acqua o saliva tra la superficie del dente e brillantino possono far diminuire di parecchio la tenuta dell’adesione stessa. È per questo motivo che è fondamentale isolare il dente con la diga di gomma e mantenere la zona perfettamente asciutta tramite i sistemi di aspirazione e di asciugatura a disposizione del dentista.

In pratica, l’applicazione del brillantino al dente è un procedimento mini-invasivo simile a quello che si esegue per fissare gli attacchi dentali per un trattamento ortodontico e deve danneggiare il meno possibile lo smalto dentale. Il fissaggio di un brillantino sul dente non è un procedimento doloroso.

BRILLANTINO NEL DENTE: IL DIAMANTE INCASTONATO NEL SORRISO

Ogni tanto, si sente parlare di vera e propria “incastonatura” di pietre preziose in uno o più denti.
In questo caso, si prevede l’escavazione di una cavità nel dente allo scopo di inserire il brillante all’interno di questa cavità. Naturalmente, l’incastonatura di un brillantino nel dente è più invasiva e potenzialmente dannosa. Anche l’eventuale rimozione del brillante incastonato è un’operazione molto più complessa e costosa. Inoltre, in caso di rimozione di un brillantino incastonato nel dente, rimarrà un foro e si dovrà provvedere ad un’otturazione allo scopo di chiudere tale cavità.
I dentisti solitamente sconsigliano quest’ultimo tipo di intervento più invasivo che può creare problemi ad un dente sano solo per seguire una moda passeggera. Meglio sfoggiare un bel solitario al dito o un ciondolo con un punto luce dove il diamante non può far danni!