La sigaretta elettronica fa male al cavo orale e favorisce la comparsa di carie

Denti Storti - Studio Motta Jones - Rossi - Associati

Denti storti, terapie ortodontiche efficaci per risolvere il problema

3 step technique

Erosione dentale da reflusso gastro esofageo - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Curare l’erosione dentale da reflusso gastroesofageo in modo efficace

denti consumati - Studio dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Denti consumati, cause e rimedi dell’erosione dentale

I denti consumati solitamente hanno perso una certa quantità di smalto a seguito di un processo di deterioramento. Questo problema, oltre a causare inestetismi, può essere il segnale di altre patologie da affrontare con tempestività. Conoscere l’origine dell’erosione dentale e sapere perché i denti si consumano può aiutare a prevenire il problema.

Alcune sostanze acide nella bocca attaccano la superficie esterna della dentatura provocando lesioni. Chi soffre di vomito frequente o reflusso gastroesofageo può essere, ad esempio, soggetto a erosione dei denti a causa dell’acido cloridrico che dallo stomaco transita nella bocca.

SINTOMI DEI DENTI CONSUMATI

I sintomi e l’aspetto dei denti consumati sono facilmente riconoscibili. Alcuni segni evidenti che caratterizzano l’erosione dentale sono:

  • denti gialli e corti;
  • smalto dentale trasparente, soprattutto sui bordi. Talvolta sembra che i denti siano di vetro. In presenza di questo sintomo si può andare incontro a fratture o scheggiature dell’elemento dentario;
  • aumento della sensibilità dentale agli stimoli termici;
  • dolore causato dall’esposizione della polpa dentaria.

La presenza della saliva in bocca contribuisce a mantenere l’equilibrio contro gli acidi e si oppone al proliferare di batteri. Il dentista, per prevenire l’erosione dello smalto dei denti, considera anche che vi sia la giusta presenza di saliva nel cavo orale del paziente.

LE CAUSE DEI DENTI CONSUMATI: BRUXISMO E ABFRACTION

L’usura dei denti fino a un certo livello è un fenomeno fisiologico ed è dovuta all’avanzare dell’età e all’invecchiamento della persona.

Tra le cause meccaniche più comuni del consumo dentale ci sono:

  • il bruxismo che porta a digrignare i denti,
  • lo sfregamento di altri materiali contro la superficie dei denti e lo spazzolamento troppo energico,
  • l’utilizzo di dentifrici abrasivi dall’effetto sbiancante,
  • l’abfraction, ovvero la perdita di smalto dovuta alle flessioni del colletto del dente causate dal digrignamento.

L’erosione e l’abrasione non sono la stessa cosa, infatti la prima si riferisce al consumarsi del dente in tutta la sua superficie. L’abrasione dentale, invece, riguarda solo la parte del dente coinvolta nella masticazione.

RIMEDI DEI DENTI CONSUMATI: LA RICOSTRUZIONE DEI DENTI

Quando l’usura dei denti viene riconosciuta in tempo è possibile procedere con l’applicazione di ricostruzioni in composito o di faccette dentali. Queste rappresentano la soluzione ideale in modo particolare per risolvere problemi di ipersensibilità ed estetici.

In presenza di denti consumati i dentisti del nostro studio di Milano valutano quale approccio terapeutico seguire. In alcuni casi è necessario:

  • correggere la dieta,
  • migliorare la tecnica dello spazzolamento,
  • procedere con l’applicazione di protesi dentarie,
  • procedere con l’applicazione di faccette dentali in ceramica,
  • incapsulare i denti gravemente danneggiati dall’erosione.

Un tempo per incapsulare un dente era necessario devitalizzarlo e limarlo per proteggerlo con spesse corone dentali. Attualmente, invece, i medici dentisti possono contare su nuovi materiali innovativi come il disilicato di litio, che permettono di realizzare corone sottili e resistenti dopo aver effettuato una lieve limatura del dente.

Tecniche innovative per proteggere e ricostruire i denti

La tecnica della limatura e della devitalizzazione è considerata sempre più superata dai dentisti moderni. Presso il nostro studio offriamo ai pazienti la possibilità di usufruire dell’esperienza della dottoressa Vailati e dei suoi stretti collaboratori per il metodo 3 Step Technique. Questa tecnica innovativa è totalmente additiva e consente di sostituire in poche sedute la parte abrasa dei denti con un materiale composito.

denti consumati - Studio dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

denti consumati – Studio dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

In caso di abrasione da bruxismo, si procede anche con la realizzazione di  una mascherina di protezione personalizzata da indossare nelle ore notturne. Questa consente di proteggere i denti dall’ulteriore erosione.

dentizione nei neonati - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

La dentizione nei neonati: come alleviare il dolore

Molti genitori si rivolgono al nostro studio dentistico a causa delle preoccupazioni sulla dentizione nei neonati. La formazione dei denti da latte ha inizio mentre il bambino è ancora nella pancia della mamma. L’eruzione dei primi dentini è una delle tappe fondamentali della crescita di ogni bambino, che può causare fastidio, febbre e dolore ed è importante sapere come affrontarla al meglio. Per ogni genitore vedere la prima puntina bianca che spunta dalla gengiva è un momento molto emozionante e spesso coincide con la fine di un periodo caratterizzato da pianti e forte irritabilità del neonato.

Il processo della dentizione si distingue nella comparsa della dentatura decidua  (formata dai denti da latte) e della dentatura permanente. La dentatura decidua è composta di 20 elementi dentari mentre la dentatura permanente è formata da 32 elementi dentari.

QUANDO AVVIENE LA DENTIZIONE NEI NEONATI?

Molti pazienti ci chiedono informazioni su come e quando spuntano i denti da latte. Solitamente l’eruzione dei denti si verifica intorno ai 6/8 mesi del bambino. I primi dentini che fuoriescono sono gli incisivi centrali inferiori e gli incisivi centrali superiori. Orientativamente, la dentizione del neonato segue quest’ordine:

  • 6 – 10 mesi di età, denti incisivi centrali inferiori;
  • 8 – 12 mesi di età, incisivo centrale superiore;
  • 8 -13 mesi di età, incisivo laterale superiore;
  • 10 – 16 mesi di età, denti incisivi laterali inferiori;
  • 13 -19 mesi di età, primo molare superiore;
  • 14 – 18 mesi di età, primo molare inferiore;
  • 16 – 22 mesi di età, denti canini superiori;
  • 17 – 23 mesi di età, denti canini inferiori;
  • 23 – 31 mesi di età, secondo molare inferiore;
  • 25 – 33 mesi di età, secondo molare superiore.

Denti decidui e denti permanenti

Quasi tutti i denti permanenti sostituiscono i denti decidui equivalenti. I molari permanenti, invece, non hanno un dente deciduo soprastante e i premolari permanenti erompono in sostituzione dei molari decidui. Tra i 6 anni e i 12 anni di età fuoriescono i denti permanenti e dai 17 ai 30 anni di età possono erompere i terzi molari, anche detti denti del giudizio, che possono anche rimanere sempre inclusi.

dentizione nei neonati - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

dentizione nei neonati – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Come facilitare l’eruzione dei dentini

I genitori possono agevolare la fuoriuscita dei denti dando al bambino qualcosa da tenere tra le gengive e mordere, per stimolare l’eruzione dentale. A tale scopo si possono utilizzare i massaggiatori gengivali refrigerati, che si acquistano in farmacia o nei negozi che vendono prodotti per l’infanzia. Questi contribuiscono anche ad alleviare il fastidio alle gengive perché contengono un liquido refrigerante. In alternativa, anche la scorza di pane cotto a legna è adatta allo scopo e il suo sapore risulta più gradevole per il bambino. Una tecnica per alleviare il fastidio e stimolare l’eruzione dei denti è quella di massaggiare le gengive con gel specifici.

SINTOMI DELLA DENTIZIONE NEI NEONATI

Alcuni sintomi sono molto frequenti durante l’eruzione dei denti da latte. Il bambino inizia a manifestare il desiderio di succhiare e mordicchiare tutto ciò che capita a portata di mano. Ci sono bambini che provano solo un leggero fastidio, mentre altri avvertono un dolore che può anche causare risvegli notturni. L’intensità del dolore da dentizione nel neonato dipende anche da quali denti stanno spuntando e dalla sensibilità delle diverse aree della bocca.

Nei giorni che precedono la fuoriuscita dei denti, le gengive solitamente appaiono gonfie e livide ma questo non dovrebbe essere motivo di particolari preoccupazioni. Se entro qualche settimana l’ematoma non si riassorbe, però, è consigliabile eseguire un controllo dal pedodontista.

Anche la salivazione del neonato può aumentare e può salire qualche linea di febbre, non superiore ai 37 gradi e mezzo. Alcuni bambini manifestano calo di appetito, irritabilità e soffrono di diarrea e cacca acida.

dentizione nei neonati - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

dentizione nei neonati – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

COME ALLEVIARE I FASTIDI DELLA DENTIZIONE NEI NEONATI

I pedodontisti del nostro Studio consigliano ai genitori dei bambini (vedi articolo) che provano molto dolore durante la dentizione alcuni farmaci per alleviare il fastidio. In genere suggeriamo di ricorrere alla terapia farmacologica quando il bambino è soggetto a frequenti pianti isterici e si sveglia spesso di notte urlando. Anche il pediatra può provvedere a prescrivere al bambino i tempi di somministrazione e la dose esatta di farmaci analgesici, in genere la Tachipirina, in base al peso.

Si possono anche massaggiare delicatamente le gengive con olio di oliva, con dei gel specifici, con un balsamo calmante oppure con prodotti a base di miele.