La radiologia tridimensionale

Saremo lieti di rispondere a tutte le vostre domande

La radiologia tridimensionale

Gli esami radiologici in odontoiatria sono molto importanti perché permettono al dentista di effettuare la corretta diagnosi e quindi di scegliere la terapia più indicata per risolvere il problema del proprio paziente.

I principali esami radiologici utilizzati dal dentista sono:

  • la radiografia endorale, usata per acquisire l’immagine di un dente fino ad un massimo di tre su una stessa lastra. È utilizzata per confermare la presenza di carie sulle pareti che si affacciano su un dente adiacente o per le procedure di devitalizzazione di un dente;
  • se si effettuano diverse radiografie endorali di modo da ottenere le immagini radiografiche di tutti i denti, si parla di Status Radiografico Endorale;
  • l’ortopantomografia (OPT), detta anche radiografia panoramica e serve per visualizzare tutta la bocca nel suo insieme. Proprio per la sua caratteristica di dare un’immagine di tutto l’insieme, a livello del singolo dente è meno dettagliata di una singola radiografia endorale, ma fornisce valide informazioni di carattere generale;
  • Tomografia Assiale Computerizzata (TAC), è il mezzo radiologico più sofisticato e fornisce le informazioni dettagliate di tutte le strutture anatomiche prese in esame. Questo tipo di esame radiologico è accoppiato all’uso del computer che, grazie ad opportuni software, è in grado di eseguire anche delle ricostruzioni tridimensionali di quello che si sta studiando. E’ la tipologia di studio diagnostico che viene anche denominata come radiologia tridimensionale.

Radiolgia tridimensionale: diagnosi all'avanguardia

Lo studio dentistico Motta Jones / Rossi & Associati sceglie strumentazioni radiologiche di alto livello al fine di offrire alla clientela massima precisione nella diagnosi e nella spiegazione delle terapie e dei trattamenti proposti ai pazienti.

Questo nostro approccio ci permette di riscontrare, da parte dei clienti che si rivolgono allo studio, un’accettazione più pronta e serena del percorso terapeutico da intraprendere sulla base di informazioni più complete.

In particolare, abbiamo introdotto l’utilizzo della strumentazione Orthophos XG 3D che ricorre ad un sistema tra i più rinomati a livello mondiale per quanto riguarda la radiologia tridimensionale.

Questo macchinario risulta particolarmente pratico per l’utilizzo presso gli studi dentistici  in quanto permette di ottenere immagini radiologiche come l’ortopantomografia (OPT o radiografia panoramica) e la TAC effettuata con tecnologia cone-beam.

Quest’ultimo strumento permette di impiegare studi radiologici con ricostruzioni tridimensionali garantendo un’ottima qualità dell’immagine con un’esposizione ai raggi X del paziente molto ridotta.

In diverse tipologie di intervento, uno studio tridimensionale delle strutture anatomiche che verranno coinvolte nelle cure è estremamente importante. Soprattutto negli interventi di chirurgia orale ed implantologia avanzata, il fatto di avere un’immagine accurata delle strutture coinvolte è utile in quanto permette di pianificare e simulare il tipo di intervento che dovrà essere effettuato.

Quindi, la radiologia tridimensionale va ad integrare le informazioni ottenibili della radiologia bidimensionale. La classica radiologia bidimensionale (Radiografie endorali e radiografia panoramica) non viene sostituita, ma l’integrazione della radiologia tridimensionale porta numerosi vantaggi e miglioramenti, tanto nel lavoro del dentista quanto per il paziente.

Con la radiologia bidimensionale, la diagnosi può a volte essere incompleta o presentare degli artefatti che potrebbero portare ad una diagnosi o considerazioni non corrette. Per fare un esempio, tramite la radiologia 3D si può vedere ed analizzare la radice dentale da ogni angolazione e mettere in evidenza cambiamenti che non si potevano notare con la radiologia tradizionale.

Quali sono i vantaggi della radiologia tridimensionale?

L’impiego della radiologia tridimensionale può beneficiare di numerosi vantaggi. Per uno studio dentistico si tratta di un investimento economico significativo, ma è certamente una grande risorsa per le possibilità diagnostiche e di cura nei confronti del paziente.

Ecco un riepilogo dei vantaggi della radiologia 3D:

  • accresce le possibilità di diagnosi e di precisione di quest’ultima;
  • si può contare su una maggior precisione delle immagini;
  • si può studiare meglio il percorso di alcuni nervi, la relazione tra la posizione dei denti, lo stato dell’osso, il dente e le malattie della mascella;
  • benchè si tratti sempre di un’esame che comporta l’esposizione del paziente ai raggi X, fa uso di tecnologie che consentono un’esposizione molto ridotta se confrontata ad una TAC tradizionale;
  • maggior facilità nello spiegare al paziente come si svolgerà il trattamento;
  • possibilità di eseguire progettazioni terapeutiche in anticipo, soprattutto nel caso di una progettazione implantologica (implantologia computer guidata) e protesica;
  • possibilità di eseguire una simulazione dell’intervento chirurgico.
radiologia tridimensionale - Studio Motta Rossi & Associati

Radiologia Tridimensionale – Studio Motta Rossi & Associati

In quali casi si può ricorrere alla radiologia tridimensionale?

L’endodonzia, l’implantologia, la parodontologia, l’ortodonzia e la chirurgia sono le principali discipline odontoiatriche che possono beneficiare della radiologia tridimensionale.

Va comunque sottolineato che si tratta sempre di esporre il paziente ai raggi X, pertanto la scelta di eseguire una TAC deve essere sempre dettata da una corretta indicazione clinica.

Si può ricorrere alla radiologia 3D anziché a quella tradizionale in molti casi, come:

  • diagnosi e cura dei denti sovrapposti;
  • decorsi imprevisti del canale del nervo;
  • radici nascoste o anomalie dell’articolazione temporomandibolare;
  • trattamento di fratture dentali;
  • necessità di eseguire trattamenti in 3D, soprattutto nel caso di procedure di rigenerazione ossea e di implantologia;

Il personale medico dello studio ha riscontrato un netto miglioramento nella valutazione e risoluzione delle malattie dentali più comuni attraverso l’utilizzo di questa nuova tecnologia.

Inoltre, notiamo anche la soddisfazione da parte dei nostri clienti, che si sentono più tranquilli e a loro agio nell’affrontare l’analisi e la cura delle loro problematiche dentali.

L’implantologia computer-guidata

L’implantologia dentale ha subito una grande rivoluzione in termini positivi grazie all’introduzione della radiologia tridimensionale.

È possibile, infatti, eseguire una implantologia molto sofisticata grazie all’elaborazione avanzata delle immagini tridimensionali che consente di simulare l’intervento prima che questo venga effettivamente svolto.

Il software della strumentazione di radiologia 3D permette di integrare l’acquisizione dei dati dell’anatomia del paziente con la progettazione e simulazione virtuale dell’inserimento degli impianti e successiva applicazione dei denti. Si possono apportare nella programmazione digitale dell’intervento tutte le modifiche che risultano necessarie.

Da questo studio, tramite procedure di stampa 3D viene realizzata una guida o dima chirurgica che guiderà perfettamente l’inserimento degli impianti nella posizione prevista al computer.

Lo stesso tipo di concetto si utilizza anche nelle procedure che prevedono la ricostruzione o rigenerazione di porzioni di osso a scopo implantologico.

Rispetto ai tradizionali interventi di implantologia, ricorrendo alla radiologia 3D, si avranno quindi:

  • maggiore precisione;
  • esecuzione più rapida e meno fastidiosa per il paziente;
  • abolizione di incisioni e punti di sutura;
  • consegna immediata della protesi provvisorie.

RADIOLOGIA TRIDIMENSIONALE E PREVENZIONE

Naturalmente, l’indagine eseguita attraverso la radiologia tridimensionale permette anche di eseguire l’individuazione ed eventuale diagnosi di lesioni o neoformazioni localizzate nei tessuti profondi.