Quando scegliere il ponte dentale per sostituire un dente mancante

Il ponte dentale e l’impianto dentale sono due procedure praticate frequentemente per sostituire i denti mancanti all’interno del cavo orale. La prima non risulta particolarmente complessa, ma è fondamentale sottoporsi a tutte le visite e le indagini diagnostiche di routine prima di optare per tale procedura. Grazie all’installazione di un ponte si impedisce agli altri denti di disallinearsi causando ulteriori problemi al paziente. Il ponte può durare dai 5 ai 15 anni, soprattutto in base all’esperienza ed all’abilità di chi lo realizza. Per questa ragione, è molto importante rivolgersi ad uno studio dentistico competente e di fiducia. Anche il paziente al quale è stato impiantato un ponte deve porre la massima attenzione nell’igiene dentale quotidiana, al fine di preservarlo e farlo durare più a lungo.

COME È FATTO IL PONTE DENTALE

Ponte Dentale - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Ponte Dentale – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Il ponte generalmente si compone di 3 elementi:

  • due pilastri, ovvero i due denti adiacenti a quello mancante,
  • l’elemento di unione tra i due pilastri, che forma il ponte.

Questo impianto può essere fisso, anche detto “protesi parziale fissa”, oppure mobile. Tendenzialmente l’impianto mobile viene realizzato per rimediare provvisoriamente al problema, in attesa di soluzioni più stabili. Il ponte può anche essere sostenuto da una combinazione di impianti dentali e denti naturali o solo da impianti.

Si ricorre al ponte Cantilever quando ci sono denti solamente da un lato del dente mancante. In tal caso il ponte prevede uno o più pilastri da una parte, mentre non ha sostegno dall’altra.

Il Maryland invece è un ponte adesivo che viene attaccato ai denti adiacenti a quello mancante, senza necessità di eseguire una limatura. Ha minore resistenza nel tempo ed è controindicato nelle zone della bocca dove la masticazione è più intensa.

Ponte Dentale - Studio Motta Jones, Rossi & Associati

Ponte Dentale – Studio Motta Jones, Rossi & Associati

COME SI REALIZZA IL PONTE DENTALE

Quando si è diagnosticata la necessità di installare un ponte alla dentatura di un paziente, si procede attraverso le seguenti fasi:

  • si prendono le impronte dentali e si inviano al laboratorio che si occupa di realizzare il ponte provvisorio;
  • si analizzano e identificano i denti che dovranno fungere da pilastri;
  • si procede con un’adeguata preparazione dei pilastri, tramite una limatura che li renda due monconi;
  • i due denti vengono in seguito ricoperti da capsule, per creare la base di sostegno del ponte dentale;
  • si prende l’impronta dentale definitiva che viene mandata all’odontotecnico per la predisposizione del lavoro finale.

Quando il ponte è pronto, si effettua un periodo di prova per verificarne sul paziente la precisione ed il comfort. Anche il colore dell’impianto deve essere il più possibile simile a quello dei denti. Conclusa la prova, il ponte viene cementato in maniera tale da evitare infiltrazioni.

Materiali del ponte dentale

Le corone del ponte dentale vengono realizzate in materiali di vario tipo, come ad esempio la ceramica o la zirconio-ceramica e la porcellana. La ceramica è quella che permette di produrre impianti di colore più naturale e simile ai denti. Inoltre, il disilicato di litio è un materiale moderno utilizzato per realizzare ponti dentali di spessore molto sottile. Il vantaggio dell’utilizzo di questo materiale è che i denti possono essere limati molto meno di un tempo.

La terminazione delle corone realizzate attualmente è nascosta nella gengiva in modo talmente efficace da sembrare che i denti nascano naturalmente dalla gengiva.

DIFFERENZA TRA PONTE DENTALE ED IMPIANTO DENTALE

Con la procedura dell’impianto dentale si inserisce nell’osso mascellare o nell’osso mandibolare una radice in titanio che sostiene il nuovo dente impiantato. Attualmente si propende per gli interventi di implantologia dentale per risolvere il problema dei denti mancanti. Il ponte però può ancora risultare l’opzione migliore quando:

  • il paziente non desidera sottoporsi ad un intervento chirurgico;
  • i denti adiacenti a quello mancante manifestano già alterazioni della forma o del colore, quindi limarli e coprirli diverrebbe un vantaggio;
  • l’osso che dovrebbe fare da sostegno all’impianto dentale non è sufficiente e andrebbe rigenerato.

L’impianto dentale può essere realizzato in vari tipi di materiali come il ponte. Oggi si prediligono delle nuove leghe in titanio zirconia per ottenere superfici più sottili. Il vantaggio dell’impianto dentale è che non danneggia i denti tramite la limatura e, in caso sia necessario rifare una corona, non si deve ricostruire tutto il ponte.

Sigaretta elettronica: ecco i benefici per chi vuole smettere di fumare

Sono molte le persone che ogni anno provano ad utilizzare la sigaretta elettronica per smettere di fumare le sigarette tradizionali. I nostri pazienti ci manifestano spesso il desiderio di trovare alternative alle sigarette, perché il fumo macchia i denti, oltre a nuocere alla salute. La pulizia e lo sbiancamento dei denti gialli possono risolvere questo problema sono temporaneamente. In questi casi eseguiamo anche l’applicazione di un getto di acqua e bicarbonato in polvere detto Airflow. Talvolta suggeriamo anche di indossare delle mascherine in silicone a casa, durante la notte, per aumentare i risultati nei giorni successivi allo sbiancamento professionale.

Il problema delle denti gialli in ogni caso si ripresenterà se si continua a fumare. Una domanda che ci pongono in molti è se anche le sigarette elettroniche macchino lo smalto dentale. Se si vuole provare ad utilizzare questo dispositivo, è importante conoscere i suoi effetti sulla salute orale.

COME FUNZIONA LA SIGARETTA ELETTRONICA?

Quando si fuma la sigaretta elettronica si inala un vapore prodotto dal riscaldamento a 200° di una soluzione liquida. Tale liquido passa attraverso una cartuccia e contiene tre componenti:

  • diluenti,
  • aromi di vari tipi,
  • nicotina
Sigaretta Elettronica - Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Sigaretta Elettronica – Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

I componenti chimici presenti nella soluzione liquida sono in quantità minore rispetto a quelli che si trovano nelle sigarette tradizionali. La presenza di nicotina, però, può inibire la produzione di saliva e causare l’accumulo di batteri nella bocca. Ad oggi, molti dispositivi elettronici per fumare permettono di regolare anche la quantità di nicotina da inalare. In tal senso queste sigarette rappresentano un aiuto per chi vuole smettere di fumare.

SIGARETTA ELETTRONICA E MACCHIE SUI DENTI

La diffusione delle sigarette elettroniche è stata notevole dal 2005. Medici e ricercatori dibattono tutt’ora sulle conseguenze dell’utilizzo di tali dispositivi per la salute. Nelle sigarette elettroniche non è presente il catrame. Per questo motivo la sostituzione di quelle tradizionali con questi dispositivi riduce i danni alla salute portati dal fumo. Non sono state però ancora effettuate ricerche scientifiche che possano attestare con certezza che le sigarette elettroniche non macchino in alcun modo i denti. È possibile che alcuni liquidi utilizzati nel vaporizzatore, nel tempo e con l’utilizzo frequente, ingialliscano la superficie dei denti.

La soluzione migliore per la salute e che porta risultati migliori per i denti resta sempre quella di smettere di fumare e di effettuare lo sbiancamento dal dentista.

Perché il fumo macchia i denti

La nicotina ed il catrame contenuti all’interno delle sigarette tradizionali sono gli elementi responsabili dell’effetto ingiallente sui denti.

Le macchie sullo smalto non sono l’unica conseguenza del fumo sui denti, infatti questo aumenta anche la formazione di tartaro. Una quantità maggiore di placca e tartaro sulla dentatura facilita ulteriormente l’adesione delle sostanze pigmentanti che provengono dalla combustione delle sigarette. La nicotina danneggia inoltre i denti perché ne riduce la densità ossea e mina concretamente la salute del tessuto osseo in cui sono allocati denti.

La nicotina contenuta nel tabacco provoca i denti gialli attraverso più metodi di assunzione:

  • fumare sigarette, sigari e pipa;
  • masticare chewing-gum alla nicotina;
  • masticare tabacco.

PERCHÉ CHI FUMA LA SIGARETTA ELETTRONICA HA I DENTI GIALLI?

La colorazione naturale della dentatura varia da persona a persona. I fattori che incidono sul colore dei denti sono:

  • il colore della dentina,
  • le caratteristiche genetiche,
  • lo spessore dello smalto.
Sigaretta Elettronica - Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Sigaretta Elettronica – Studio Dentistico Motta Jones, Rossi & Associati

Oltre alla colorazione naturale, la dentatura di ciascuno ha una differente tendenza ad ingiallire col passare degli anni che, oltre al fumo, può dipendere:

  • dall’alimentazione;
  • dalla scarsa o inadeguata igiene orale;
  • dall’assunzione di alcuni farmaci;
  • dall’assottigliamento dello smalto dovuto all’età.

Anche se si fumano le sigarette elettroniche, quindi, le macchie ai denti potrebbero non dipendere da questa abitudine.

Cause e rimedi della secchezza delle fauci e della scarsa salivazione

Quando si avverte la sensazione di “bocca secca” ovvero di secchezza delle fauci si soffre di quella che in medicina è conosciuta come xerostomia. La xerostomia può degenerare anche in iposcialia. Si tratta in ogni caso di problemi legati alla scarsa salivazione.

La saliva è un elemento di grande importanza per il nostro organismo. Svolge funzioni basilari di protezione della salute del cavo orale. Nella saliva sono presenti enzimi come lipasi e alfa-amilasi, i quali contribuiscono attivamente alla digestione. Questo elemento, inoltre, lubrifica la bocca, protegge i denti e le mucose e favorisce la fonazione. La saliva contrasta anche l’azione di germi e batteri perché contiene perossidasi, immunoglobuline di tipo A e lisozima.

PRINCIPALI CAUSE DELLA SECCHEZZA DELLE FAUCI O “BOCCA SECCA”

L’iposcialiasi si può verificare a causa di fattori di diverso genere. Alcuni dei fattori scatenanti più frequenti sono:

  • febbre e episodi di disidratazione;
  • ostruzioni nasali che costringano alla respirazione con la bocca;
  • assunzione di farmaci neurolettici o antistaminici;
  • tabagismo;
  • consumo eccessivo di alcol;
  • periodi di forte stress;
  • ansia;
  • diabete;
  • sclerosi multipla a placche;
  • morbo di Parkinson;
  • Alzheimer;
  • sindrome di Sjogrens;
  • patologie autoimmuni;
  • tumori;
  • diabete;
  • radioterapia e chemioterapia;
  • scialodochiti;
  • scialolitiasi.

Queste cause portano alla disfunzione delle ghiandole salivari maggiori, responsabili della secrezione salivare. Quando la secchezza della bocca si accompagna ad un aumento della sudorazione e alla magrezza eccessiva, questa può essere segnale d’allarme dell’ipertiroidismo.

SINTOMI E DIAGNOSI DELLA SECCHEZZA DELLE FAUCI

Uno dei sintomi più frequenti di xerostomia e iposcialia è che si sente la bocca pastosa e secca. Nei casi gravi si può arrivare ad avere difficoltà ad assumere cibo e a parlare. Quando si ha la bocca secca, inoltre, si beve spesso e non ci si sente mai realmente dissetati. Altri tipici sintomi sono:

  • alitosi,
  • percezione alterata dei sapori,
  • difficoltà nella masticazione,
  • difficoltà nella deglutizione,
  • gola secca,
  • bruciore alla lingua.

Il dentista può effettuare una diagnosi della iposcialia attraverso un esame della presenza di:

  • mucose atrofiche;
  • candidosi;
  • carie diffuse;
  • infezioni

RIMEDI PER LA XEROSTOMIA

Quando si presenta il problema della bocca secca è molto importante rivolgersi al dentista per la corretta diagnosi della xerostomia e dell’iposcialia. Il medico procederà con una verifica accurata della funzionalità delle ghiandole salivari maggiori. Stabilita la causa e individuato il comportamento scatenante della malattia, verrà indicato come evitarlo e, in alcuni casi, verranno prescritti dei farmaci. Solitamente i dentisti prescrivono medicinali che favoriscono la secrezione salivare, per accelerare il processo di guarigione.

Idratarsi e bere molta acqua contribuisce ad alleviare la sensazione di bocca secca, indipendentemente dalla causa. Sono molto importanti anche:

  • l’assunzione di sali minerali,
  • la corretta igiene del cavo orale,
  • l’assunzione di frutta e verdura,
  • umidificazione degli ambienti in cui soggiorna.

È utile risciacquare la bocca con un collutorio specifico e applicare umettanti artificiali in spray.

secchezza delle fauci - Studio Motta Jones Rossi & Associati

secchezza delle fauci – Studio Motta Jones Rossi & Associati

Come prevenire il problema della xerostomia

Chi soffre frequentemente di episodi di bocca secca e scarsa salivazione, può fare particolare attenzione ad evitare alcuni comportamenti che favoriscono tale disfunzione. Alcune abitudini viziate da evitare per diminuire le possibilità di comparsa della malattia sono:

  • il fumo,
  • la respirazione con la bocca aperta anziché con il naso,
  • la scarsa assunzione di liquidi,
  • l’eccessiva assunzione di alcool.